19 novembre seconda udienza del processo al militare Francesco Tuccia #stupro #liberedallaviolenza

Il 19 novembre si è svolta la seconda udienza del processo per stupro al militare Francesco Tuccia. L’udienza è cominciata poco prima delle dieci ed è andata avanti fino a pomeriggio inoltrato; sono stati sentiti i testimoni chiamati dall’accusa che hanno cercato di ricostruire la serata in cui la ragazza fu trovata svenuta, seminuda e con un’ importante emorragia che, insieme al freddo, l’avrebbe di sicuro uccisa se il buttafuori della discoteca, nel cui cortile sono avvenuti i fatti, non l’avesse trovata in tempo.
In aula non erano presenti né la ragazza né il militare, ma c’erano i parenti di entrambi.
Come riporta il quotidiano on-line Primadanoi “sono stati sentiti anche gli amici e commilitoni del giovane i quali hanno ripetuto quanto già affermato nei primi momenti, ovvero di aver visto Tuccia allontanarsi dentro la discoteca con la giovane studentessa e di averlo rivisto sempre all’interno del locale nel momento di riprendere il giaccone e andare via.
Al termine, il pubblico ministero, David Mancini, ha trasmesso gli atti alla Procura affinché valuti la sussistenza o meno del reato di falsa testimonianza o di calunnia. In aula, infatti, due dei giovani non hanno confermato quanto deposero subito dopo il fatto quando affermarono che, mentre era semincosciente, la giovane studentessa laziale vittima della violenza pronunciò il nome di un addetto della discoteca. Il fatto è stato invece confermato dal terzo giovane quella notte in compagnia di Tuccia.”
Fuori dal tribunale eravamo in tant*, nonostante la pioggia, nonostante fosse lunedì, nonostante l’udienza lunghissima, nonostante le distanze perché molte venivano da Tivoli e da Roma. Eravamo lì ancora una volta per dimostrare la nostra solidarietà alla ragazza e farle sentire che non è né sola né colpevole.
La prossima udienza, che sarà particolarmente delicata perché verrà ascoltata proprio lei, ci sarà il 10 gennaio. Noi, ovviamente, ci saremo.

Di seguito alcune foto.
(qui  informazioni e foto del primo sit-in)

Annunci

Informazioni su @bulmosa

Scegli quel che vuoi, cura ciò che hai, dai quello che puoi. L'unico modo che conosco per resistere.

Un Commento

  1. Pingback: I fatti… #violenza #stupro (in aggiornamento) « Fuori Genere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: